Sull’importanza di essere piccoli

Mi ha sempre colpito quella parabola in cui si paragona l'entrata del regno dei cieli ad una porta stretta:  i più si dilungano sulla necessità di sforzarsi di passare per quella porta, quasi fossimo dei cartoni animati che spingono, spingono fino a far passare di là un bitorzolo strozzato che poi si rigonfia o che si spreme come dentifricio dal … Continua a leggere

la vita è racconto

Mi viene in mente una storia vera: In un campo di sterminio nazista un gruppo di prigionieri è raccolto su un camion per essere avviato alla camera a gas. Tutti intuiscono che quello è il loro ultimo viaggio. Pure, nella cupa disperazione di quegli istanti, uno dei poveretti si fa leggere la mano da un compagno di sventura.  Il chiromante … Continua a leggere

La metamorfosi

Il giorno che Gregor Samsa scoprì, al risveglio, di essersi trasformato in un insetto è simile al giorno in cui si apprende di essere malati. E’ il giorno in cui tanti piccoli segni, ricacciati per mesi nell’inconscio, o giustificati con una ragione apparente, si raggrumano nella consapevolezza agghiacciante che qualcosa in te è cambiato. Per sempre. La Tac, la Pet … Continua a leggere

Miracoli

Si apre uno spazio per il miracolo quando si sospende l'uso del principio di non contraddizione. Che se ne fa un malato di un Dio sottoposto agli stessi vincoli della logica del suo pensiero? L'Onnipotente deve essere libero di contraddirsi: fare ammalare e dispensare guarigioni. "Quanto distano i cieli dalla terra i miei pensieri  dai vostri pensieri". Dice Walt Whitman:" Mi contraddico, … Continua a leggere

Questo temeva, questo desiderava.

E' l' ultimo verso  di Luzi: accoglie l'anelito di averla vinta sul principio di non contraddizione . E lo mette in compagnia dei grandi Walt Whitman ( Do I contradict myself?                            Well then….I contradict myself….                                 I am large…..I contain moltitudes.) Leopardi  (Sola al mondo eterna                 in te morte si posa                  nostra umana natura                   non paga no, … Continua a leggere

Percezioni

Guardate fuori dalla a vostra finestra e provate a immaginare che il luogo nel quale vi trovate sia improvvisamente privato  di tutti i riferimenti familiari: la strada, l'albero , la casa, il traliccio … e cancellate anche la finestra da cui guardate. La cosa fa ancora più effetto se vivete in una città.  Insieme a quei riferimenti spaziali vicini, dovrete cancellare … Continua a leggere

Colleghi

Ci ho messo quasi due anni a farmi una ragione di dover portare addosso il mio fardello.Per trovare la forza di parlarne serenamente senza che la voce mi tremasse. L'ho detto prima ai familiari, poi a qualche parente, agli amici più intimi , tra cui qualche collega con cui collaboro strettamente .  Mi ero proposto di non fare mistero della mia … Continua a leggere

aggiornamento citazioni

Oggi sono abberrato di lavoroObeso di lavoroCi vediamo alle Caverne GrecheTagliare la testa al topoAccetto obsoleto colloQuesto è l'ultimo anno che accompagno mio nipote alla festa di Aulin…Stendiamo un velo peloso (sui miei tentativi di inserire foto nel blog)    Lapis freudiano (GEA)    Sono molto afferrato sull'argomento (Gea) lasciatemi prendere! (trespolo)Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zio pino!(trespolo)mano … Continua a leggere